Il Cibo nell'Arte

Il progetto ha coinvolto la IIIA e la IIIB della Scuola Secondaria di Peveragno, è stato ideato e seguito dalle insegnanti di Arte e Immagine Professoresse Addis e Lion. 

Obiettivo principale era sensibilizzare gli alunni su un tema sempre  di attualità ma poco trattato nei libri di testo.

Gli alunni hanno decorato la parete della Scuola secondaria.

Il breve video che descrive i lavori.

 

 Cibo e Arte

Probabilmente la storia dell'arte inizia con la rappresentazione di  prodotti alimentari. I bisonti, i cervi, i cavalli che hanno affollato le pareti delle grotte di Lascaux, Altamira, altro non erano che la prefigurazione del desiderio di consumare quelle carni.

Non subito ma, da allora la rappresentazione del cibo e di ciò che serve per confezionarlo, consumarlo, presentarlo e sfoggiarlo, ha costituito uno degli stimoli più forti per gli artisti.

Il cibo nell'arte è stato spiritualità, vanitas, compiacimento per l'opulenza:  dall'antichità, attraverso il Medioevo, il Rinascimento, il Barocco, fino alle esperienze della Pop-Art.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter